primi, ravioli, RICETTE SALATE

RAVIOLI CON RICOTTA, PARMIGIANO, MIELE E ARANCIA

IMG_7692

Vi ho già parlato del Calendario del cibo Italiano , qui!

Ve lo ricordo: un progetto creato da AIFB per diffondere la cultura popolare e la tradizione gastronomica italiana, attraverso appunto un calendario.
Ogni giorno si festeggerà un ingredienti o un piatto tipico della nostra cucina, ma si festeggeranno anche le settimane nazionali e questa è la settimana degli agrumi e se volete approfondire l’ argomento andate a leggere l’ interessante articolo di Aurelia, che vi spiegherà le origine, le caratteristiche, le proprietà, le tipologie, gli usi ……

Agrume deriva dal latino acer, cioè “aspro“, con riferimento al sapore dei frutti, mentre in botanica con il termine agrume si indicano sia i frutti sia le piante.
Ci sono diverse qualità: arancia rossa o bionda, pompelmo, limone, cedro, bergamotto, mandarino, lima, kumquat, chinotto. Si tratta di uno dei prodotti alimentari più consumati a livello mondiale: aranciate, spremute, marmellate a base di agrumi.  Ogni agrume è testimone di epoche e di grandi civiltà e dovunque essi siano stati coltivati hanno sempre suscitato meraviglia tale da essere divenuti rapidamente protagonisti delle lettere e delle arti, oltre che dei mercati e della gastronomia.

Avevo già contribuito alla GN della salsiccia con questa ricetta e vorrei contribuire anche alla settimana degli agrumi, visto che avevo delle buonissime arance appena acquistate.
L’arancia è il frutto dell’arancio, di forma sferica, con la buccia di colore acceso fra il giallo e il rosso. È un agrume ipocalorico, ricco di vitamina C, gradevole e con un ottimo insieme di sostanze nutrienti utili alla salute. L’arancia presenta esternamente una scorza caratterizzata da una leggera ruvidezza. La parte interna è polposa e commestibile ed è divisa in spicchi ricchi di succo di colore giallo, arancione o rosso.  Vengono consumate come frutta fresca oppure in preparazione di dolci o piatti salati. Si può usare sia il succo sia la buccia.
Insieme al limone, al mandarino e al pompelmo è sicuramente uno degli agrumi più apprezzati, un ottimo rimedio naturale contro l’ inappetenza, ha un potere antiossidante, favorisce la digestione, allevia i dolori di stomaco, depura l’ organismo ed assicura un effetto calmante.

ArancioIn cosmesi, la buccia d’arancia, tipicamente porosa e ruvida, viene considerata un pretesto ideale per paragonare la tanto odiata, quanto onnipresente, cellulite.
L’arancio, inoltre, per i suoi frutti dalla forma tondeggiante e dal colore brillante, è stato oggetto di numerose opere artistiche, mentre i fiori candidi sono cantati ed esaltati da molti poeti e scrittori.
Anche in cucina l’arancio è un agrume molto apprezzato, che ben si sposa a piatti di carne e pesce, oltre ad arricchire macedonie di frutta e a decorare aperitivi e soft drink.
(Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/benessere/arancia.html)

Per contribuire alla settimana ho pensato ad un piatto salato.
Ho visto questa ricetta sulla rivista “A tavola” del mese di gennaio 2016 e mi ha colpito molto, tanto che ho deciso di prepararla, adottando alcune modifiche in base agli ingredienti che avevo a disposizione.
La ricetta originale prevede l’ utilizzo di ricotta di mucca, ricotta di bufala e pecorino romano, io ho utilizzato solo ricetta di mucca e parmigiano.

La ricetta viene presentata sulla rivista da Antonella Pagliaroli.

IMG_7694

Il gusto è molto particolare, il ripieno è piuttosto dolciastro dovuto alla presenza del miele con un retrogusto di arancia. A me sono piaciuti molto, a mia figlia per niente, lei non ama il dolce nel salato. Potete provarli, anche se non siete amanti del dolce, potete omettere il miele oppure metterne proprio un filo, poco poco.

IMG_7696

 

RAVIOLI CON RICOTTA, PARMIGIANO, MIELE E ARANCIA
 
 
Ingredients
  • per 4 persone:
  • per la pasta:
  • 300 g di farina 7 Effe
  • 3 uova
  • per il ripieno:
  • 140 g di ricotta di mucca
  • 70 gr di parmigiano grattugiato
  • miele di acacia
  • scorza di un' arancia
  • sale e pepe
  • per il condimento:
  • 40 g di burro
  • 50 g di pistacchi
  • salvia
Instructions
  1. Preparare la pasta:
  2. su un piano di lavoro disporre la farina, formare una fontana e porre al centro le uova, iniziare a mescolare con un forchetta dal centro, cercando di incorporare la farina. Passare poi ad impastare con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.
  3. lasciare riposare una mezz' oretta.
  4. Nel frattempo preparare il ripieno:
  5. mettere la ricotta in una bacinella, aggiungere il parmigiano, sale e pepe e mescolare, aggiungere la scorza grattugiata dell' arancia ed amalgamare bene.
  6. Riprendere la pasta e stenderla in una sfoglia sottile con il mattarello oppure con la macchina per la pasta.
  7. Ricavare delle strisce, mettere al centro piccole porzioni di ripieno distanziate , aggiungere su ciascuna un filo di miele. Sovrapporre un' altra striscia di pasta, unire le due sfoglie, avendo cura di eliminare eventuali bolle.
  8. Tagliarle con una rotella oppure con una formina rotonda o quadrata.
  9. A me è avanzata un po' di pasta, ho fatto dei tagliolini che abbiamo gustato in un brodo di carne.
  10. Lessare i ravioli in acqua bollente salata.
  11. Fare sciogliere il burro con qualche foglia di salvia.
  12. Scolare i ravioli e condirli con il burro, scagliette di grana e granella di pistacchi.

IMG_7693

BUON APPETITO!!

Comments

3 thoughts on “RAVIOLI CON RICOTTA, PARMIGIANO, MIELE E ARANCIA

    1. sì il miele si sentiva un po’….lei non ama per niente i ravioli dolci, nemmeno quelli di zucca. Grazie per le foto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.